Lineapiù Italia esplora una nuova dimensione estetica,
nasce il filato fotosensibile

Innovazione e ricerca definiscono una nuova frontiera per i filati che potranno interagire con la luce solare, guadagnando una ricchezza di nuances e sfumature del tutto inedite
 

Si chiama Lumen, il nuovo filato fotosensibile presentato da Lineapiù Italia nel corso dell’82esima edizione di Pitti Filati – dal 24 al 26 gennaio alla Fortezza da Basso di Firenze.
 
Si tratta di una fettuccia di cotone spalmata di pigmenti fotosensibili, apparentemente trasparenti alla normale luce artificiale, ma che se esposti a fonti dirette di raggi ultravioletti si attivano arricchendosi di inedite sfumature cromatiche.
Il processo tecnologico che permette di applicare i pigmenti fotosensibili sul filato è quello della “spalmatura in continuo”.
 
Il risultato è un filato cangiante, capace di virare il colore variando in intensità e persistenza, acquisendo delle nuances che introducono dei toni ora più caldi ora più algidi, a seconda della forza con cui la luce naturale illumina la superficie.
La velocità della cangianza varia in funzione della potenza della fonte luminosa. Una volta “in ombra” il filato gradualmente riprende il proprio aspetto iniziale, tornando al proprio colore di base.
 
In assenza di luce solare i pigmenti si attivano anche con speciali lampade wood, capaci di emettere la luce nella frequenza UV.
 
Una novità che permetterà al mondo della moda di esplorare nuove possibilità, introducendo una gamma inedita di giochi cromatici, questa volta in relazione diretta e continua col mutare della luce naturale.
 

Prossima edizione - PITTI FILATI 83

27 - 29 giugno 2018
Fortezza da Basso, Firenze

www.pittimmagine.com

ARCHIVIO PITTI